CITTA’ E CATTEDRALI TRA PIEMONTE E VALLE D’AOSTA

395

Si chiama “Città e Cattedrali a porte aperte” ed è un’iniziativa che propone, sabato 17 e domenica 18, percorsi di visita ed eventi nei luoghi del sacro in Piemonte e Valle d’Aosta, valorizzando al contempo il lavoro dei volontari che ne consentono la fruizione. Ideata dalla Fondazione CRT e dalle Diocesi locali, l’iniziativa rappresenta una vera e propria narrazione del territorio che si è sviluppata grazie alla collaborazione e al sostegno di diversi enti e istituzioni. Quest’anno si potranno visitare 140 tra beni e luoghi di storia e arte sacra. Cominciamo da Torino. Il Museo Diocesano (p.za S. Giovanni) sarà aperto entrambe i giorni con orario 10-18 e visite guidate dai volontari (ingr. 5 Euro con riduzioni e gratuità per gli aventi diritto). La Chiesa di San Lorenzo (via Palazzo di Città 4), capolavoro di Guarino Guarini sarà aperta invece sabato con orario 9-18 e domenica, 13-18 (anche qui ingr. gratuito e visite guidate). Il Santuario della Beata vergine della Consolata (via Maria Adelaide 2) propone, oltre all’apertura al pubblico gratuita, anche un mercatino del libro sulla piazza antistante (dalle 7 alle 20) in entrambe i giorni. La Chiesa di Santa Pelagia (via S. Massimo 21), infine, sarà aperta sabato 17 dalle 15 alle 17 (ingr. gratuito e visite a cura dell’Associaz. Damasco). Più numerosi i luoghi che si potranno visitare appena fuori porta: a Giaveno (Cappella di S. Sebastiano e Chiesa di S. Lorenzo), a Caselle (Chiesa di S. Pietro e Paolo), ad Avigliana (Chiesa di S. Maria Maggiore), a San Mauro (Chiesa di S. Maria di Pulcherada) e a Chieri (Chiesa di S. M della Scala). Ma molte sono anche le proposte spostandosi appena un po’ più lontano: a S. Maurizio Canavese, Caramagna, Valperga o, cambiando zona, a Cavallermaggiore, Carmagnola e Savigliano nonché a Scalenghe, S. Francesco al Campo, Ciriè, Nole, Poirino, Grosso e S. Ponso. A Susa si potrà visitare il Museo Diocesano. In tutte le province, inoltre, si potranno visitare anche pievi, monasteri e confraternite. Come per altri “cammini” tra i luoghi della spiritualità, infine, le diocesi di Alessandria, Asti, Aqui, Casale Monferrato e Tortona lanceranno il “Passaporto del Pellegrino di Città e Cattedrali” che, con i timbri dell’accoglienza, diventerà una testimonianza del percorso. Il programma è su www.cittaecattedrali.it

Articolo precedenteIL NUOVO MONDO: UTOPIA TRA ARTE E FOLLIA
Prossimo articoloHA ANCORA SENSO STUDIARE I DIALETTI?