I CANALI DI AMSTERDAM

573

holland_198 Fu la necessità di strappare la terra al mare a vestire Amsterdam di un fascino irresistibile. Il risultato dell’ottima pianificazione urbanistica è la straordinaria ‘Venezia del Nord’. Nel XVII secolo la città olandese fu strutturata a cerchi concentrici, scavando una rete di canali artificialidi fronte alla baia dell’IJ. Venne progettata con un’architettura notevole e perfetta, così da permettere lo sviluppo di nuovi quartieri attorno al centro. Tre canali sono stati pensati appositamente per lo sviluppo urbano (per la gestione dell’acqua e dei trasporti), mentre il quarto, perimetrale, è stato studiato a scopi di difesa e per contenere l’acqua in eccesso. Queste quattro vie d’acqua sono interconnesse da altri canali che si incrociano con un sistema a raggiera, che forma una specie di ventaglio. canale Amsterdam ente del turismo olandeseOggi i canali sono utilizzati soprattutto per attività ricreative: sono solcati tutto l’anno da barche a motore, dalle barche che effettuano i tour turistici, da pedalò e canoe e durante gli inverni particolarmente rigidi sono percorsi dalle lame dei pattini da ghiaccio. Oltre alle imbarcazioni classiche, oggi occupano i canali della città anche ristoranti e curiose case galleggianti. In Olanda le case galleggianti sono comuni, ma la capitale detiene il record: ne conta infatti circa 2.500. Negli anni Settanta queste originali abitazioni divennero un nuovo fenomeno. Le case galleggianti hanno tutto quello che ci si aspetta di trovare in un appartamento tradizionale: il salotto, la cucina, la camera, il bagno e spesso una piccola terrazza. Per scoprire come si vive su una barca in un canale di Amsterdam si può soggiornare in quelle offerte in affitto ai turisti o visitare il Woonbootmuseum. Il Woonbootmuseum è stato creato nel 1997 dal proprietario di una barca adibita ad abitazione che aveva notato quanto i passanti fossero incuriositi dalla sua casa galleggiante. Così Vincent van Loon, questo è il suo nome, decise di dar vita al museo a bordo dell’Hendrika Maria, una chiatta da carico del 1914 che aveva convertito in abitazione negli anni Sessanta, ormeggiata nei pressi della Casa di Anna Frank. Uno dei canali dove sono maggiormente concentrate queste caratteristiche dimore è Il Brouwersgracht,Qui, in passato, sostavano le navi di ritorno dall’Asia con i carichi di spezie. Oggi quei magazzini sono stati trasformati in appartamenti, molti dei quali sono tra i più costosi di Amsterdam.holland_1121 Ogni canale ha il proprio fascino, ma alcuni scorci sono assolutamente da non perdere. Tra questi il Gouden Bocht (da Leidsestraat a Vijzelstraat) il canale su cui sono affacciate le case più belle e prestigiose; il ponte all’angolo tra Reguliersgracht e Herengracht, che ha una vista unica su altri quindici ponti; Magere Brug, uno dei ponti più pittoreschi di Amsterdam, particolarmente romantico nelle ore notturne Nel 2011 la rete di canali del centro storico di Amsterdam  è stata inserita nella lista del Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO. Informazioni: http://www.houseboatmuseum.nl/italiaans/index.html http://www.holland.com/it/turismo.htm Immagini: Ente del Turismo olandese

Articolo precedenteIL BOMBOFESTIVAL DELLE OFFICINE CORSARE
Prossimo articoloUN CAFFE’ CHE SCALDA IL CUORE