I NOSTRI RAGAZZI

329

Agli amanti del cinema intimista, consiglio di andare a  vedere “I nostri ragazzi”, dramma di due famiglie borghesi, romane dove il quotidiano è fatto di silenzi o comunque di incapacità di comunicare, soprattutto tra generazioni diverse.

La storia ruota intorno a due fratelli, uno chirurgo pediatrico e l’altro avvocato.  I due si incontrano una volta al mese per cenare  in un ristorante di lusso con le rispettive mogli. Il libro, da cui è tratto il film si intitola, infatti, “la cena”.

Anche se apparentemente diversi i due fratelli si somigliano invece più di quanto sembra. Sono molto presi dal proprio lavoro, distratti e/o distanti dai loro figli e , contemporaneamente, troppo permissivi e disposti  a tirarli sempre fuori dai guai, impedendo loro di crescere e di diventare adulti responsabili.

I loro rispettivi figli, Michele e Benny , non sono solo cugini, ma anche amici; escono insieme, hanno gli stessi interessi e amano i videogiochi violenti. Una sera, i due ragazzi, al rientro da una festa (e un po’  su di giri) incontrano una barbona e decidono di picchiarla a morte e lasciarla abbandonata sul ciglio della strada.

Sono entrambi convinti che la faranno franca, peccato che una telecamera di sicurezza li abbia ripresi a loro insaputa e (anche se i due nel video non sono identificabili), le immagini dell’aggressione approdano al programma “Chi l’ha visto?” e vengono mandate in onda. Capita così che, nei rispettivi genitori comincino ad affiorare dei sospetti. Sospetti che man mano diventano certezze. I figli confessano il loro reato ai rispettivi genitori , certi che questi potranno ancora una volta coprirli, aiutarli e proteggerli. In fondo si trattava solo di una barbona, un elemento che ha ben poca rilevanza sociale, anzi nessuna. La parte più interessante del film, che non svelerò, riguarda ovviamente la reazione e le decisioni che prenderanno i genitori dei due ragazzi. Sulle riflessioni etiche o morali  e sugli interrogativi che questo film ci obbliga a porci, si potrebbero dire molte cose rischiando però anche di scivolare nella retorica del tipo: viviamo in un mondo senza più valori etc. Meglio dunque lasciare l’arduo compito agli spettatori (ognuno secondo la propria visione del mondo) e passare invece alle interpretazioni degli attori, tutte di grande livello, da Luigi Lo Cascio (forse il migliore) ad Alessandro Gassman, da Barbara Bobulova a Giovanna Mezzogiorno. Per non parlare dei giovanissimi, molto promettenti (e con nomi persino troppo altisonanti) Rosabel Laurenti Sellers (appena diciottenne) e Jacopo Olmo Antinori. Una menzione infine ad Ivano De Matteo, il regista, che ha al suo attivo già altri film ben riusciti come ad esempio “Gli equilibristi”.

Articolo precedenteLATTE SOSPESO
Prossimo articoloNUOVI INTEGRALISMI: IL CASO TURCHIA