EXPO OPENING: APRONO ARMANI E BOCELLI

339

18146F2A-8A69-4585-A326-93044D3B3C37 (1)Una botta di “grande bellezza”: la voce di Andrea Bocelli e le creazioni di Giorgio Armani il 30 aprile prossimo inaugureranno ufficialmente l’Esposizione. A 133 giorni dal via il commissario Expo ha fatto il punto della situazione: già venduti oltre sette milioni di biglietti (prezzo medio 22 euro). Seimila i nuovi posti di lavoro. A buon punto la realizzazione dei padiglioni. Invece dei Bronzi di Riace, dalla città di Vinci arriverà uno dei cavalli di Leonardo, che verrà collocato nella piazza sotto la Regione.

Armani, Special ambassador di Expo, celebrerà i quarant’anni di attività della maison con una sfilata speciale. Andrea Bocelli canterà – in diretta Rai1 – in mondovisione. Dal Duomo un concerto di campane si effonderà sulla città; quindi si aggiungeranno i campanili di tutte le chiese dell’archidiocesi.

Una partenza col botto, come suol dirsi. Le iniziative intraprese in occasione di questo evento globale bilanciano in positivo le cronache relative a inchieste della magistratura, episodi di corruzione e maneggi vari che in questi mesi purtroppo non sono mancati. “Think positive”, sembra essere il messaggio del commissario Expo Sala. I soggetti non mancano.

Il sito espositivo sarà aperto dalle 10 del mattino alle 23 di sera, ogni giorno della settimana; ogni giorno della settimana Expo proporrà un menu unico di appuntamenti ed eventi che coinvolgeranno tutti i partecipanti e i visitatori (sono stati confermati 88 national days da parte dei Paesi e 10 giornate speciali); l’auditorium e il conference centre ospiteranno convegni e incontri di approfondimento e l’Open Air Theatre promuoverà lo spettacolo esclusivo del Cirque du Soleil (scontato il mugugno dei teatranti italiani).

Il commissario Sala ha confermato, a proposito dello stato di avanzamento dei lavori, che l’attività cantieristica procede secondo lo scheduling stabilito, che a dicembre 2014 vede impegnate oltre 2.800 maestranze (saranno 3.500 a gennaio); i lavori per la “rimozione delle interferenze” superano il 90%, quelli per la realizzazione della Piastra sono all’80%. I Cluster (una delle novità di Expo Milano 2015: per la prima volta i Paesi non vengono raggruppati in padiglioni collettivi secondo criteri geografici, ma secondo identità tematiche e filiere alimentari) saranno consegnati a fine gennaio ai Paesi che vi parteciperanno.

A Expo è affidato il compito strategico di costruire un’immagine positiva e incentivante delle caratteristiche “appetibili” del nostro Paese. L’obiettivo reale, infatti, non è la realizzazione di un mega evento one shot, ma di costituire un occasione favorevole per lo sviluppo imprenditoriale (scambi, investimenti, impexport eccetera) da attuare negli anni successivi.

Articolo precedenteLA MAGGIORANZA INVISIBILE
Prossimo articoloGOZO REGINA DI GOOGLE