GLI IMMENSI CEDRI YAKUSUGI

535

Grazie alla sua imponente storia, alla cultura tradizionale e alla fantastica natura, il Giappone presenta sedici luoghi registrati come patrimoni dell’umanità. Tra questi, alcuni sono patrimoni naturali. Uno di essi, il primo ad essere inserito nella lista del Patrimonio, è ricoperto per la sua quasi totalità da una foresta primaria fitta di cedri.

Siamo nell’isola di Yakushima, appartenente all’arcipelago di Ryūkyū, nella provincia di Kagoshima. L’isola ha la forma di un’isola disegnata dalla mano di un bambino: rotonda. Vulcanica e montuosa  Miyanoura-dake la vetta più alta misura 1935 metri) è circoscritta da una strada provinciale che ne fa il giro in tre ore d’auto. Durante il percorso è facile incontrare le scimmie “Yakuzaru” e i famosi cervi “Yakushika”.  Un detto popolare descrive così la composizione della popolazione dell’isola: “20000 persone, 20000 scimmie, 20000 cervi”. Ma pare che a queste specie ben presto si debbano aggiungere dei cani procioni chiamati “tanuki”. Ventimila, naturalmente!

“Che clima c’è a Yakushima?”, domanda il turista? “Tutti, e contemporaneamente!” si risponde qua, felici di stupire. Si può godere sia del clima del Mar del Giappone che di quello dell’oceano Pacifico: lungo la fascia costiera è subtropicale; la zona più alta dell’isola è temperata e questo vuol dire che sulle vette delle montagne si possono accumulare da 3 a 6 metri di neve. Le piogge sono molto intense nel nord-est dell’isola, mentre la parte sud-ovest è molto soleggiata.

Fra le tante seduzioni naturali, gioielli di questo scrigno territoriale, una in particolare ci ha colpito. Sono gli immensi cedri Yakusugi, famosi per la loro eccezionale longevità (alcuni di essi superano i 1660 anni di vita). Questa varietà di cedri giapponesi originali di Yakushima crescono sulle montagne dell’isola. Qui, su un altopiano di 1000 metri per 3000 metri di altitudine, si può ammirare la foresta primaria ricca di queste meravigliose piante risalenti a migliaia di anni fa. Lo Yakusugi Land è considerata foresta ricreativa naturale: 4 sentieri escursionistici la percorrono offrendo splendidi itinerari a caccia di alberi.

Nel 1994, gli immensi Yakusugi sono stati inseriti dall’UNESCO nell’elenco del Patrimonio mondiale dell’umanità. Il legame rispettoso che il territorio mantiene con queste piante emerge anche al museo ad esse dedicato.  (http://yakusugi-museum.com/)

Informazioni: www.turismo-giappone.it

Articolo precedenteMAURITIUS ESEMPIO DI TOLLERANZA
Prossimo articoloCARNEVALE MALTESE