CELEBRAZIONI DI SAN MARTINO IN SLOVENIA

134

La produzione di vino in Slovenia sta diventando un’arte unica. Sempre più viticoltori esclusivi investono tutte le loro energie nei propri vini e alcuni hanno ricevuto riconoscimenti importanti sia in Slovenia che a livello mondiale. Una veloce carrellata ci invita a immaginare le 5 più autentiche celebrazioni di San Martino, a tema enologia e turismo, della tradizione Slovena.

A MARIBOR, lungo il fiume Drava cresce un sorprendente “gioiello”: la Vecchia Vite, Stara Trta in sloveno, ha quasi 450 anni ed è riconosciuta come la vite più antica del mondo. The Old Vine è della varietà Žametovka e, nonostante la sua distinta età, produce tra i 40 ei 50 chilogrammi di uva ogni anno. Tuttavia, il vino non è in vendita ma è riservato per attività protocollari. Il Festival della Vecchia Vite inaugura la festosa stagione autunnale e culmina con la raccolta cerimoniale di Stara Trta. La festa di San Martino a Maribor è la celebrazione più importante in Slovenia e presenta un programma culturale e d’intrattenimento, cucina locale e degustazioni di vino novello.

Nella città più antica della Slovenia, PTUJ (nella regione di Bassa Stiria, nella Slovenia nord-orientale) la celebrazione di San Martino è accompagnata da una visita della Cantina Ptuj che conserva da oltre settecento anni i vini di questa regione. La cantina ospita anche Zlata Trta (letteralmente la vite d’oro), la più antica annata slovena, che risale al 1917.

Basta uno sguardo al paesaggio idilliaco di GORIŠKA BRDA per convincersi dell’armoniosa convivenza tra l’uomo e la natura che caratterizza questo territorio incastonato tra il Mediterraneo e le Alpi. Qui le celebrazioni di Bacco del giorno di San Martino si svolgono nel meraviglioso borgo medievale di Šmartno.

La storia della VALLE DEL VIPAVA è speciale, strettamente legata alle attività all’aria aperta e ad una cucina variegata. Qui le celebrazioni proseguono fino alla domenica dopo il giorno di San Martino, con la passeggiata sulle tracce di Matija Vertovec, un sacerdote che dedicò gran parte della sua energia creativa allo sviluppo tecnico della viticoltura e della vinificazione, per scoprire il fascino naturale del Vipava e della sua cucina.

Nella regione del CARSO, il suolo povero conferisce al vino e agli altri prodotti sapori corposi. Qui si festeggia la festa di San Martino con il famoso Terrano, il caratteristico vino rosso rubino del Carso. È davvero semplice passare dalle cantine agli agriturismi lungo la Strada del Vino utilizzando autobus speciali, che permettono delle fermate per tour gastronomici e culturali nelle località di Sežana e Štanjel.

Articolo precedenteDALLA MENTE COMPUTAZIONALE ALLA MENTE INCARNATA
Prossimo articoloIL PATRIMONIO AUDIOVISIVO