L’ESTATE DI LA THUILE HA UNO SPIRITO BIKE

232

La Thuile,  località valdostana incastonata tra le più alte vette alpine, è pronta ad ospitare gli amanti della pedalata offrendo (da giugno a settembre) un fitto calendario di eventi e competizioni sportive.

Ad aprire la stagione –il 3 e il 4 giugno– saranno gli atleti del Cross Country Olimpico XCO, con la penultima tappa dell’importante circuito Internazionali d’Italia Series . Il 24 e il 25 giugno,  apre il bike park (un anello di 188 metri dal design modernissimo che amplia i 220 km di tracciati che compongono l’ampio Bike Park) e si terrà il Campionato Italiano di Pump Track. A partire da questa data prenderà il via ufficialmente la stagione estiva e gli impianti di risalita saranno operativi tutti i giorni, dando rapido accesso all’ampia rete sentieristica dedicata alle mtb, che dagli oltre 2.500 metri del Chaz Dura scende fino in paese. Inoltre, l’8 e il 9 luglio, La Thuile sarà nuovamente protagonista di un altro Campionato Italiano, questa volta di Enduro.

Per chi non fosse amante delle 2 ruote, La Thuile offre molto altro. Innanzitutto uno scenario spettacolare: ammirare il Monte Bianco dal versante di La Thuile rappresenta un’esperienza esclusiva. Tutta un’altra prospettiva, come dicono da queste parti.

A 1450 metri sul livello del mare, poco più di 800 abitanti, la località valdostana presenta grandi spazi, aria purissima e una tavolozza di colori incantevole. Gli spiriti degli antichi celti che abitavano queste contrade vegliano sul paese e i boschi incutono ancora rispetto. Il massiccio del Rutor con il suo celebre ghiacciaio (terzo ghiacciaio per estensione della regione) illumina tutta la vallata e dà vita alle meravigliose cascate, considerate tra le più belle d’Italia. I salti d’acqua sono tre ed è proprio sul terzo che un ponte costruito 10 anni fa consente di ammirare -in tutta sicurezza- uno spettacolo grandioso.

Curiosa, infine, è l’etimologia del nome del paese. Deriva dal latino tegula (tegola). In dialetto valdostano con “Thuile” si indicano infatti le lose, lastre di pietra, ottime per la copertura delle abitazioni che, a La Thuile, nel passato venivano estratte nella zona di Pont Serrand e sul Mont du Parc.

A la Thuile si respira la montagna, quella vera, ci ricordano gli abitanti del paese. Come dare loro torto?

info: https://www.lovevda.it

immagine: lovevda

 

Articolo precedenteTORNATE ALLA RIBALTA
Prossimo articoloISLE OF MTV A MALTA