SI PUO’ ESSERE PADRINI DI UN PESCE?

476

lagon aux requins M. Dagnino museo oceanografico di Monacojpg

Saranno contenti i bambini: da quest’anno 17 specie presenti negli acquari del Museo Oceanografico di Monaco possono essere patrocinate. Basta scegliere un ospite del museo, tra  un pesce, una tartaruga o uno squalo, compilare una richiesta di patrocinio e consegnarla direttamente (con il versamento, naturalmente) alla segreteria dell’Acquario, oppure  collegarsi a www.oceano.mc  (rubrica “Patrocinate un pesce”) e stringere da lì il comparatico.

Si riceverà per posta un certificato che attesta il patrocinio, con tanto di foto del figlioccio e ingressi gratuiti per fargli visita al Museo. Il padrino contribuisce direttamente ad accudirlo quotidianamente oltre a sostenere le azioni condotte dall’Istituto Oceanografico per far conoscere, amare e tutelare gli oceani.

Informazioni: www.oceano.mc

Immagine: Museo oceanografico di Monaco – Dagnino – lagon aux requins

Articolo precedenteTRA ABUSO DI FARMACI E CIBO SPAZZATURA
Prossimo articoloROTTERDAM METTE IN MOSTRA LA SCARPA