PAOLO VERONESE, L’ILLUSIONE DELLA REALTA’

703

La grandiosa produzione artistica di Paolo Caliari detto il Veronese (1528-1588) torna, fino al 5 ottobre, nella sua città natale con una mostra organizzata dal Comune di Verona, in collaborazione con l’Università e la Soprintendenza locale (in associazione con la National Gallery di Londra). L’esposizione è allestita nel monumentale Palazzo della Gran Guardia di Verona (Piazza Brà) ed è curata da Paola Marini, direttrice del Museo di Castelvecchio e Bernard Aikema, dell’Università degli Studi di Verona. Il Veronese ebbe la sua formazione nella Verona di Giovanni Caroto, Antonio Badile e soprattutto Michele Sanmicheli, per poi trasferirsi e svolgere la parte centrale della sua carriera a Venezia, della cui scena artistica fu uno dei principali protagonisti insieme a Tiziano Vecellio e Jacopo Tintoretto. Guidò un’operosa bottega, assistito, tra gli altri, dal fratello Benedetto e dai figli Carlo e Gabriele, che portarono avanti l’attività dopo la sua morte. Le opere esposte sono circa 100, fra dipinti e disegni, provenienti dai più prestigiosi musei italiani ed internazionali, tra cui il British Museum e la National Gallery di Londra, il J. Paul Getty Museum di Los Angeles, il Museo Nacional del Prado di Madrid, il Metropolitan Museum of Art di New York, il Musée du Louvre di Parigi, i Musei Vaticani di Roma, il Kunsthistorisches Museum di Vienna e la National Gallery of Art di Washington.

Info su http://mostraveronese.it/

Articolo precedenteQUEBEC: IN VACANZA CON MADRE NATURA
Prossimo articoloSETTEMBRE. E’ TEMPO DI MITO