MONOGATARI GIAPPONESI

546

I Monogatari sono le storie popolari e leggende che fan parte dell’inestimabile e vastissimo patrimonio del Giappone che nei secoli si è tramandato. Fiabe e leggende si intrecciano, personaggi esistiti, eventi storici e favole si fondono generando storie ricche di allegorie e metafore.

Uno di questi personaggi è Momotarō, protagonista di uno dei racconti popolari più amati in Giappone.

Secondo una delle versioni della storia, Momotarō venne trovato lungo un fiume da una donna anziana che stava lavando i panni. Il bambino spiegò alla donna e a suo marito che era stato mandato dal cielo per essere il loro primo figlio. Così la coppia lo chiamò Momotarō, da momo (pesca) e tarō (figlio maggiore). Anni dopo, Momotarō lasciò i suoi genitori per combattere una banda di predoni (demoni o orchi) su un’isola lontana. Lungo il percorso, il ragazzo fece amicizia con un cane rosso parlante (Akainu), una scimmia gialla (Kizaru) e un fagiano blu (Aokiji), che accettarono di aiutarlo nella sua missione. Momotarō e i suoi amici animali riuscirono a penetrare il forte, sconfiggere la banda di demoni e rientrare a casa con il tesoro saccheggiato che servì a far vivere i suoi genitori senza preoccupazioni economiche.

Questo racconto fa riferimento ad alcune località del Paese: l’isola degli orchi viene spesso associata all’isola di Megi-jima, una piccola perla nel mare (larga appena un chilometro e abitata da sole 200 persone) vicino Takamatsu, nell’attuale Prefettura di Okayama. Oggi è possibile trovare  proprio ad Okayama una statua che ritrae Momotarō insieme alla scimmia, al cane e al fagiano. Proprio nella prefettura di Okayama si trova anche il Kibitsu-jinja, un santuario fortemente legato alle vicende di Momotarō, impreziosito da un’architettura unica e da un suggestivo corridoio lungo oltre trecento metri.  Nel corso delle stagioni, mentre lo percorrono, i visitatori possono vedere bellissimi fiori lungo entrambi i lati del corridoio. A partire dai fiori di ciliegio all’inizio della primavera, alle peonie e azalee a maggio, fino alle 1.500 ortensie che fioriscono ogni giugno nel “Giardino di Ajisai-en.

ph Okayama Prefectural Tourism Federation  

Articolo precedentePORTOGALLO: MIGLIORE DESTINAZIONE D’EUROPA
Prossimo articoloVIRTUAL TOUR DI THEATRUM SABAUDIAE ALLA FONDAZIONE TORINO MUSEI