I COLORI DI SINGAPORE

282

Per godersi al meglio Singapore e scoprire gli scorci e gli angoli più caratteristici, si consiglia di girarla a piedi o in bicicletta. Solo muovendosi così sotto le architetture futuristiche dei grattacieli ci si può insinuare nei gomitoli di strade e vicoli che ospitano esempi di street-art ed edifici colorati che raccontano le tradizioni e la storia dei questo Paese.

Ecco alcuni quartieri raccomandati per un’immersione nella Singapore più colorata e autentica.

Si parte da Little India, un quartiere vivo, colorato, profumato di spezie e aromi che sfumano dai suggestivi negozietti. Da tempo è diventato un importante centro culturale. A Serangoon Road, ad esempio, si trova il maestoso Tempio di Sri Veeramakaliamman, dedicato alla dea indù Kali che si interfaccia -a distanza di una manciata di metri- con un murale raffigurante coloratissimi personaggi folkloristici. E’ il “Kathaka”, creato dallo street artist colombiano JABA, che ritrae elementi della danza tradizionale indiana, su uno sfondo di piastrelle blu e bianche.

Altro luogo autentico è il distretto culturale di Katong Joo Chiat che racconta, attraverso le sue architetture tradizionali e il suo particolare design,  la cultura Peranakan, ovvero una cultura che in passato si formò dai figli di matrimoni tra mercanti principalmente cinesi e donne locali. Questa area di Singapore è particolarmente influenzata da questa cultura che si percepisce in modo più evidente nelle botteghe a due piani splendidamente conservate lungo Koon Seng Road. Stiamo parlando delle cosiddette shophouses, originariamente costruite negli anni ’20, caratterizzate dal color pastello e adornate con piastrelle. A pochi passi si possono anche ammirare i murales altrettanto maestosi, come “Turtle Cape”, un omaggio alle tartarughe liuto da cui il quartiere di Katong ha preso il nome.

C’è poi il quartiere arabo con i suoi vicoli.  Qui si trova la Gelam Gallery, la prima galleria d’arte a cielo aperto di Singapore dove 30 artisti hanno trasformato i muri lungo Muscat Street in tele che ritraggono scenari stravaganti a ritratti realistici. Siamo nel quartiere Kampong Gelam, un tempo fiorente area portuale, ora ricco di esperienze artistiche e culturali uniche. Controllata dalla cupola dorata della Moschea del Sultano, questa zona ospita mercanti di tappeti persiani e profumi artigianali. Questa zona è inoltre caratterizzata dalla Haji Lane, senza dubbio la strada più colorata di Singapore.

 

Articolo precedentePAROLA D’ORDINE TEMPESTIVITA’
Prossimo articoloCHINA GOES URBAN – LA NUOVA EPOCA DELLA CITTA’