DI MALGA IN MALGA NEL SALISBURGHESE

208

Per un viaggio nella natura ci sono delle mete ideali: una di queste è il Salisburghese con la sua vasta offerta verde. Fra le tante proposte che offre, in questo rilassante Land austriaco si snoda un affascinante itinerario lungo il sentiero delle malghe.

E’ un percorso di 350 km tra i monti Pongau del Salisburghese, che collega centinaia di malghe. Il Sentiero delle Malghe, “Salzburger Almenweg”, invita a camminare tranquillamente, per nutrire l’anima di natura, panorami, profumi e sapori autentici.

Facile e adatto anche alle famiglie con bambini che optano per il trekking. Sono, infatti, numerose le malghe che si sono attrezzate proprio per accogliere i piccoli escursionisti e far scoprire loro la montagna alpina. Alcune, denominate delle carrozzine (“Kinderwagen-Almen”), si possono raggiungere facilmente anche con i neonati grazie a mulattiere dal fondo ben battuto, percorribili con i passeggini. Poi ci sono anche malghe pensate per chi va in montagna in bicicletta (“Mountainbike-Almen”) e per chi cerca l’esperienza artistica e creativa in mezzo alla natura (“Kunst & Kultur-Almen”).

In questa regione austriaca sono ancora attive circa 1.800 malghe, con una densità d’alpeggio fra le più alte delle Alpi. 550 malghe fungono da rifugio alpino per gli escursionisti che qui trovano ristoro e spesso anche possibilità di pernottare nello stile tipico dell’antica tradizione alpina. I malghesi svolgono il loro antico lavoro, producono burro e formaggi con il latte fresco appena munto che propongono ai loro ospiti. Oltre 171 di questi rifugi hanno ottenuto il certificato di qualità “Almsommer” (Estate alla Malga), che garantisce l’autentica genuinità dei sapori e delle esperienze che la malga offre.

Un paio di particolari da segnalare: si tenga presente che il Salisburghese offre il servizio trasporto bagagli di tappa in tappa “Wandern ohne Gepäck” (camminare senza bagagli) e molti punti di partenza sono raggiungibili con i mezzi pubblici.

Prima di intraprendere il viaggio, come per qualsiasi iniziativa turistica in questo difficile periodo, è d’obbligo assicurarsi sulla fattibilità del percorso e visionare la normativa vigente.

Info: Salisburghese

Articolo precedenteCITTA’ SCOZZESI
Prossimo articoloVALLE VERZASCA: IL CUORE DI PIETRA DEL TICINO